Francesco
Clemente

Italia • nato a 1952
Francesco Clemente (23 marzo 1952, Napoli, Italia) è un artista italiano che lavora nello stile dineo-espressionismo.

Caratteristiche dell'arte di Francesco Clemente: l'artista ha preso parte attiva al movimento transavanguardia italiano degli anni '80, allontanandosi dal formalismo verso la figuratività, il simbolismo e le immagini. Francesco Clemente adorava gli esperimenti creativi; non si limitava a dipingere da solo, usando una varietà di tecniche in dipinti e opere - grafica e murales, mosaici e sculture. Il fascino dell'artista per la cultura indiana e le tradizioni filosofiche si riflette nei suoi dipinti, che abbondano nelle immagini mistiche e meditative. Francesco Clemente ha collaborato con artisti comeJean-Michel Basquiat e Andy Warhol, ha creato una serie di illustrazioni per le opere dei famosi poeti beatnik Allen Ginsberg e Gregory Corso. Insieme aGeorg Baselitz e Anselm Kiefer, Il lavoro di Clemente è stato l'impulso per il rilancio dell'interesse mondiale per l'arte degli artisti europei.

Opere famose dell'artista Francesco Clemente: "Acqua e vino", "Autoritratto con guanti neri", "Mappa di ciò che è senza sforzo", una serie di dipinti "Quattordici stazioni".

L'artista trascorse la sua infanzia e giovinezza a Napoli, che Francesco chiamò amorevolmente "l'antica città greca". A 18 anni, entrò all'Università di Roma, dove studiò architettura. Lì incontrò e fece amicizia con i rappresentanti del movimento dell'Arte Povera, gli artisti Luigi Ontani e Aligiero Boetti. L'architettura fu abbandonata, Francesco si interessò alla pittura e ne fece il significato della sua vita.

Nei suoi primi lavori, Francesco Clemente ha preferito lavorare sulla carta: l'artista ha creato disegni a inchiostro, il cui tema erano sogni e ricordi d'infanzia. La prima mostra personale di Clemente si tenne nel 1971, nella Galleria romana di recente apertura. Nonostante la sua amicizia con i rappresentanti dell '"arte povera", l'artista ha preferito tecniche più tradizionali e ha presentato al pubblico le sue opere collage.

Nel 1973, insieme ad un amico e mentore Aligiero Boetti, l'artista visitò per la prima volta l'India. Clemente si stabilì a Madras, acquisì uno studio e si immerse nello studio delle tradizioni religiose e spirituali, così come nell'arte popolare e nell'artigianato. Gli amici furono portati via dai concetti filosofici del buddismo, furono particolarmente attratti dalla dottrina dell'anatman, che negava l'immutabilità dell'anima e il suo isolamento. L'artista ha studiato testi religiosi per due anni nella biblioteca della Società Teosofica locale. Successivamente Clemente ha ripetutamente interpretato la sua interpretazione personale del concetto di "non-sé" nei suoi dipinti, così come negli autoritratti.

La fama dell'artista è cresciuta; nel 1980 Francesco Clemente prese parte alla Biennale di Venezia. Satura di immagini erotiche e figure umane distorte, le sue opere sono state interpretate dalla critica come un ritorno alla figuratività, in contrasto con le tendenze astrattiste, che avevano dominato l'arte mondiale fino ad allora. Nella variante europea si chiamava questa direzione transavanguardia, nell'americano - neo-espressionismo. All'inizio degli anni '80, Clemente creò una serie di dodici dipinti, che chiamò Quattordici stazioni. Nel 1983, queste opere furono esposte alla Whitechapel Gallery di Londra. Francesco Clemente ha sperimentato molto nelle tecniche pittoriche, ha lavorato con mezzi rari, come la vecchia carta straccia fatta a mano, ha collaborato con artisti in miniatura indiani. Il risultato fu la serie d'arte Pinxit.

Nel 1982, Clemente si trasferì a New York e si stabilì nel Greenwich Village con sua moglie, l'attrice teatrale Alba Primiceri. Ha rapidamente fatto conoscenza con artisti americani e nel 1984 ha creato una serie di collaborazioni con il famoso maestro della pop art Andy Warhol e la stella nascente della street art, Jean-Michel Basquiat. In collaborazione con il famoso poeta “hipster” Allen Ginsberg, l'artista ha completato diversi progetti illustrativi unici.

L'artista era costantemente alla ricerca creativa e non si è mai limitato a una tecnologia, soggetto o mezzo. Francesco Clemente usava sia olio che acquerello, grafica, i suoi dipinti si distinguono per i colori vivaci, ma potrebbe facilmente usare il noir se l'idea lo richiedesse. L'artista viaggiò molto, in Afghanistan e in Giamaica, nel sud-ovest dell'America, dove acquistò un laboratorio nel New Mexico, tornò spesso nella sua città d'infanzia di Napoli e venne regolarmente in India. Nel 1995, Francesco Clemente intraprese un viaggio in Himalaya; durante 51 giorni di trekking, si abbandonava alla meditazione e alla pittura, ogni giorno dipingeva un acquerello.

L'artista si è cimentato nel campo della recitazione, recitando diversi ruoli episodici. Per il film di Alfonso Cuarona, Great Expectations (1998), basato sull'omonimo lavoro di Charles Dickens, Clemente dipinse più di 200 opere d'arte.

Nel 1999-2000, il Museo Guggenheim ha mostrato ai suoi spettatori una grande retrospettiva di dipinti e altre opere di Francesco Clemente. Le principali mostre personali dell'artista si sono svolte presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (2002-2003) e l'Irish Museum of Modern Art di Dublino (2004). Nel 2008, Clemente ha preso parte al progetto Metropolitan Opera, per il quale ha realizzato i ritratti di otto "cantanti stellari".

“Credo che esista l'immaginazione, condivisa da varie tradizioni contemplative. Il mio obiettivo è raccogliere immagini e riferimenti a queste tradizioni e collegarle alle emozioni di oggi e all'esperienza generale ”, è così che lo stesso Francesco Clemente ha descritto il suo concetto artistico. Oggi l'artista vive e lavora a New York. Le opere di Francesco Clemente si trovano nelle collezioni del Museum of Modern Art di New York, dell'Art Institute di Chicago, dell'Art Museum di Basilea e della Tate Gallery di Londra.


Go to biography

Pubblicazione

View all publications

Mostre

Tutte le mostre dell'artista
View all artist's artworks
Mostra tutta la bacheca