David
Hockney

United Kingdom • nato a 1937
David Hockney (Eng. David Hockney, b. 9 luglio 1937) È un artista britannico che ha vissuto in California per la maggior parte della sua vita. Nato in una famiglia della classe operaia, ma fin dall'infanzia amava la pittura. Scrive i suoi quadri “soleggiati” più famosi dopo essersi trasferito negli USA. Inventa nuove tecniche e sperimenta stili. Nel 2001 ha pubblicato il libro "Secret Knowledge", dove ha svelato il segreto del realismo dei dipinti del Rinascimento.

Caratteristiche dell'artista David Hockney: I dipinti pop art più famosi di Hockney sono caratterizzati da piscine con acqua limpida e blu brillante. Molte delle opere dell'artista sono realizzate con un realismo quasi fotografico. Inoltre, Hockney ha inventato la sua tecnica per creare collage di foto da centinaia di piccole fotografie scattate da un punto.

Dipinti famosi di David Hockney: “Ritratto dell'artista (Piscina con due figure)”, "I miei genitori", "Peter sta uscendo dalla piscina di Nick.", "Il signore e la signora Clark e Percy", Autostrada Pirbloss, Alberi alti vicino a Worth Wor.

David Hockney ha una battuta preferita. Un uomo va dal dottore e gli chiede cosa deve fare per vivere il più a lungo possibile. Dopo diverse domande sullo stile di vita, il medico conclude: "Devi smettere di bere, fumare, rifiutare cibi grassi e sesso". L'uomo inorridito chiede: "E poi vivrò più a lungo?" Il medico risponde: “No. Ma penserete sicuramente che è così. "

Nel caso di David Hockney, questa battuta suona particolarmente divertente. L'artista è considerato uno dei pittori più apprezzati tra i viventi. E allo stesso tempo, Hockney non si è mai negato nulla: né in amore, né nelle cattive abitudini, né nel divertimento. È vero, dopo aver superato il traguardo dei tre quarti di secolo, ha dovuto rinunciare all'alcol (sebbene lo abbia sostituito con ... marijuana medica), ma anche in età avanzata, Hockney non ha smesso di fumare e ha ripetutamente affermato di era sempre aperto a nuove avventure amorose.

Esattamente lo stesso - sperimentatore entusiasta e instancabile - David Hockney è sempre stato nel suo lavoro. Ed è lei che lui chiama l'amore principale della sua vita. Anche da vero vecchietto secondo alcuni standard (ma non secondo i suoi), ha continuato a cercare nuovi modi per creare e condividere il suo lavoro con le persone: disegni su gadget elettronici, schermi multimediali, installazioni video... Nessuno si stupirebbe se prima o poi Hockney cominciasse a mostrare al pubblico le immagini del futuro.

Punto di partenza


Tutte le persone nel mondo possono essere suddivise condizionatamente in due tipi (come ora è di moda dire qualsiasi cosa): quelle il cui destino è controllato dal caso e quelle la cui vita è governata dalla predestinazione e dallo scopo. David Hockney con piena fiducia può essere attribuito alla seconda categoria. La sua vita e la sua carriera sono state costruite su un vettore così perfettamente diretto che anche forti shock non potevano influenzarli, per non parlare di piccoli incidenti e problemi.

Il futuro artista è nato il 9 luglio 1937 nella famiglia di Kenneth e Laura Hockney (era il quarto figlio di cinque). I genitori di David erano persone volitive che si distinguevano dal resto dei bravi residenti inglesi di Bradford. Sebbene Laura fosse una metodista rigorosa e cercasse di crescere i figli secondo le sue convinzioni religiose, era anche una vegetariana convinta, cosa piuttosto rara a quel tempo. Kenneth Hockney non rientrava affatto in nessuna struttura. Partecipò a campagne contro la guerra e durante la seconda guerra mondiale divenne una “obiezione di coscienza”. Secondo l'artista, è stato suo padre a insegnargli in qualsiasi situazione a rimanere se stesso e a non prestare attenzione a ciò che gli altri dicono. Hockney ricorda che Kenneth era un vero dandy: indossava sempre costumi su misura per i suoi standard. E, raggiunta una certa età, l'artista ha messo da parte occhiali fantasiosi e abiti fantasiosi per indossare un abito su misura e ammettere che non si poteva pensare a niente di meglio.

La famiglia dell'artista è spesso chiamata puritana e timorata di Dio, ma lo stesso Hockney una volta l'ha descritta come “Una famiglia di radicali della classe operaia”. Non sorprende che genitori così insoliti abbiano dato alla luce un figlio come David. Da bambino era appassionatamente innamorato dell'opera e nelle sue lezioni alla scuola domenicale dipingeva caricature di Cristo, che facevano infuriare gli insegnanti. A scuola (una delle migliori del paese), ha semplicemente ignorato tutte le materie tranne le lezioni di pittura, e sul resto ha disegnato caricature sui quaderni. Stranamente, la sua natura ribelle non ha impedito alla dirigenza scolastica di discernere il talento del ragazzo, e ha iniziato a fare fumetti per il giornale della scuola.

L'immaginario di David Hockney


Nella sua giovinezza, David capì che in Inghilterra non apparteneva. Il paese, a quanto pare, non era ancora pronto ad accogliere il giovane artista con tutta la sua versatilità e portata di immaginazione. Mentre studiava all'Art School del King's College di Londra, si sentiva a casa per la prima volta, ma assorbì rapidamente tutte le conoscenze e le abilità necessarie e quasi smise di prestare attenzione agli insegnanti. Poi Hockney iniziò per la prima volta a parlare del suo orientamento sessuale ("Noi due ragazzi insieme aggrappati", 1961). Ma l'artista trova la vera libertà solo dopo essersi trasferito negli States.

David si innamorò dei paesaggi della California da bambino, quando suo padre lo portò al cinema. L'artista ha ricordato come sia rimasto colpito dal fatto che nei film di Hollywood le persone e gli oggetti proiettano ombre così fitte (nell'Inghilterra per lo più nuvolosa non l'ha visto). Dopo essersi finalmente trasferito in California nel 1966, Hockney inizia finalmente a vedere e scrivere cose davvero vibranti. Sembra che il sole non sia fuori dai suoi quadri, ma direttamente dentro di essi. E poi nelle opere dell'artista, in particolare sulle famose tele con piscine e docce, si manifesta pienamente la sua ammirazione per i bei corpi maschili ("Peter sta uscendo dalla piscina di Nick.", 1966, Prendere il sole, 1966). “Ho vissuto tra i bohémien e queste persone sono sempre state tolleranti. Inoltre, ho deciso che se voglio essere un artista, devo essere onesto "- Hockney spiegherà il suo coraggio.

Dopo essersi trasferito in America, Hockney è appassionato di fotografia. Non si separa dalla macchina fotografica, e spesso utilizza le immagini polaroid come schizzi per futuri dipinti (in particolare, è stato scritto il famoso doppio ritratto "Il signore e la signora Clark e Percy", 1970-71, e l'immagine “Ritratto dell'artista (Piscina con due figure)”, 1972).

Negli anni '70, Hockney inventa una nuova tecnica per lavorare con le fotografie. Armato di una macchina fotografica, scatta molte foto dello stesso paesaggio, interno o persona e crea incredibili collage che sembrano più dipinti (Autostrada Pirbloss, 1986, "Natura morta con chitarra blu", 1982, Patrick Proctor, 1982). L'artista li chiama "Partecipanti" (Eng. falegnami).

Continuando a sperimentare tecniche e a viaggiare per il mondo, David Hockney fa una scoperta inaspettata, oggetto di dibattito tra storici e storici dell'arte da molti anni. Nel 2001, l'artista ha pubblicato il libro "Secret Knowledge", sulla base del quale il canale Air Force nel 2003 ha realizzato un documentario. In quest'opera, Hockney racconta qual è davvero il segreto del realismo dei dipinti del Rinascimento: i pittori scoprirono le proiezioni a specchio utilizzando la Camera Lucida e la Camera Obscura. Nel film, l'artista rafforza le parole con i fatti, riproducendo prima sulla tela un lampadario dal dipinto di Jan van Eyck "Ritratto della coppia Arnolfini" (1434) e poi copiando "Ritratto di Papa Innocenzo X" (1650) Diego Velazquez.

Continua…


Possiamo dire che nella vita di David Hockney c'era tutto. Fama mondiale, libertà di espressione, baldoria bohémien e una varietà di stravaganti buffonate. Grande amore con Peter Schlesinger, che ha portato ugualmente felicità e sofferenza, ma ha glorificato ancora di più Hockney. E infine, la creatività nelle forme più incredibili: disegni con fax e fotocopiatrici, scenografie, dipinti di pasta di carta...

Sembrerebbe che dopo i 70 anni, l'artista potesse benissimo sedersi tranquillamente a bordo piscina nella sua casa in California e dettare memorie a una bella assistente. Tuttavia, anche in età avanzata, Hockney non perde entusiasmo e non rallenta, muovendosi lungo lo stesso vettore.

Per otto anni, l'artista si stabilì di nuovo in Inghilterra - nelle sue stesse parole, mancando la pioggia. Durante questo periodo, riesce a creare una tela di dimensioni grandiose Alberi alti vicino a Worth Wor (2007), padroneggia la pittura digitale usando iPhone e iPad, ottiene il titolo di artista più influente nel Regno Unito e organizza una grandiosa mostra personale "A Bigger Picture", in cui su 398 dipinti, quasi un terzo è stato dipinto nel 2013 solo.

E questo nonostante il fatto che nel 2012 Hockney abbia subito un colpo, dopo di che il suo udito ha iniziato a deteriorarsi rapidamente. E pochi mesi dopo, uno degli assistenti dell'artista si suicidò a casa sua. Dopo tutti questi eventi traumatici, Hockney decise di tornare di nuovo in California. Il suo studio ha una scorta di acqua potabile e sigarette in caso di terremoto, e non ha più nulla da desiderare. La vita va avanti mentre l'artista ha l'opportunità di disegnare. “Picasso una volta ha detto che quando disegna si sente di nuovo trentenne. Quando lavoro, posso passare sei ore di fila in piedi. Quando disegno mi sento Picasso. mi sento come se avessi 30 anni".

Autore: Evgenia Sidelnikova
Go to biography

Pubblicazione

View all publications

Mostre

Tutte le mostre dell'artista
View all artist's artworks
Mostra tutta la bacheca