Il figlio dell'uomo

Rene Magritte • Pittura, 1964, 116×89 cm
Commenti
3
Informazioni sull'opera
This artwork was added since it is referred to in the materials below
Disciplina artistica: Pittura
Soggetto e oggetti: Ritratto, Genere allegoria
Stile: Surrealismo
Tecnica: Olio
Materiali: Tela
Data di creazione: 1964
Dimensioni: 116×89 cm
Opera nelle compilazioni: 283 selections
Audioguida

Descrizione del quadro «Il figlio dell'uomo»

"Figlio di uomo" - forse il dipinto più famoso di Rene Magritte. Il livello di popolarità e la frequenza della citazione poiché può essere paragonato solo a quello di "Il tradimento delle immagini" al famoso indovinello che il cinescopio non è il tubo. "Figlio dell'uomo" viene costantemente citato in vari film e serie televisive (tra cui l'onnipresente "i simpson", dove il riferimento sembra essere assolutamente a tutti il minimo fenomeno culturale significativo). Uno dei riferimenti più spettacolari e aggraziati al dipinto appare nel film "Thomas crown affair" del 1999, che è durante il furto del dipinto dal Museo che cammina una dozzina di uomini in bombetta, soprabito e cravatta rossa.

Questo dipinto risuona con altre due opere di Magritte - "L'uomo con la bombetta (1964) e "La grande guerra" (1964). La prima mostra un uomo molto simile all'eroe "figlio dell'uomo", con l'unica eccezione che qui il volto dell'uomo chiude una colomba bianca volante. L'eroina della "grande guerra" - la signora vestita con un ombrello, che nasconde o decora il bouquet di fiori è raffigurata sullo stesso sfondo del "Figlio dell'uomo". La metà superiore dello sfondo è il cielo (nel primo caso, blu con nuvole chiare e il secondo è coperto da nuvole scure), il mare inferiore e il muretto o recinzione. Si ritiene che la mela verde, nascondendo quasi completamente il volto dell'uomo con la bombetta, sia un simbolo delle tentazioni che perseguitano il moderno Adamo nel nostro mondo.

Lo stesso Magritte ha detto di questi dipinti è il seguente: "Interessante in questi quadri è improvvisamente irrompere nella nostra coscienza la presenza di un visibile aperto e del visibile nascosto, che in natura non sono mai separati tra loro. Il visibile si nasconde sempre dietro un altro visibile. I miei quadri proprio per identificare questa situazione in modo diretto e modo inaspettato. Tra ciò che il mondo ci offre come visibile e ciò che è visibile sotto un nascondiglio, ha giocato qualche azione ".

Autore: Eugene Sidelnikov
Commenti(3)