La grande guerra

Rene Magritte • Pittura, 1964, 81×60 cm
Commenti
0
Informazioni sull'opera
This artwork was added since it is referred to in the materials below
Disciplina artistica: Pittura
Soggetto e oggetti: Genere allegoria
Stile: Surrealismo
Tecnica: Olio
Materiali: Tela
Data di creazione: 1964
Dimensioni: 81×60 cm
Opera nelle compilazioni: 61 selections

Descrizione del quadro «La grande guerra»

"La Grande Guerra" è una delle opere del ciclo dedicato al nascosto e al visibile, oltre che al celebre "Figlio di uomo" e "L'uomo con la bombetta", creato nello stesso 1964. Queste opere surreali di Magritte offrono allo spettatore una varietà di interpretazioni basate sia sul contenuto delle opere che sui loro titoli, che svolgono il ruolo di una sorta di chiavi per decifrare i misteri dell'artista.

Nel dipinto, vediamo una ricca signora, vestita con un elegante abito bianco, in piedi di fronte a un muro di mattoni sullo sfondo dell'oceano. Usando una tecnica che si trova spesso nel suo lavoro, Magritte colloca un oggetto più piccolo davanti a uno più grande, mascherando parte dell'oggetto sullo sfondo. In questo lavoro, Magritte pone un bouquet di lillà davanti al viso di una donna, nascondendo la sua identità allo spettatore, chiedendosi così se i suoi vestiti costosi, una borsa squisita decorata con perline e ricami, un cappello con piume, un parasole elaborato sono più significativi del suo viso?

Il critico d'arte Patrick Waldberg, che è vicino ai surrealisti, cita Magritte come dicendo: "La cosa interessante in questi dipinti è la presenza del visibile aperto e del visibile nascosto che improvvisamente irrompono nella nostra coscienza, che in natura non sono mai separati l'uno dall'altro. altro. Il visibile nasconde sempre un altro visibile dietro di esso. I miei dipinti rivelano semplicemente questo stato di cose in modo diretto e inaspettato. Tra ciò che il mondo ci offre come visibile e ciò che questo dato visibile al di sotto nasconde, si gioca una certa azione. Questa azione è visibile, ed è come una lotta, e quindi il nome "Grande Guerra" ne riproduce il contenuto con sufficiente accuratezza ".

Sebbene il dipinto raffigurante una donna sia meno famoso dell'opera associata "Il figlio dell'uomo", le sue interpretazioni sono altrettanto varie. Il nome "La Grande Guerra" si riferisce ovviamente ai sanguinosi eventi del XX secolo: nascondendo il volto di una donna con un bellissimo bouquet, l'artista sembra suggerire che il volto della guerra può essere molto più mostruoso della sua veste, intessuta di promesse e speranze ingannevoli, e la guerra stessa è violenza impersonale che distrugge il solito modo di vivere ei destini umani.

Anche l'abito di una donna gioca un ruolo importante nella comprensione di questo lavoro: quando un soldato morì al fronte, fidanzato con una ragazza, lei rimase, infatti, una sposa eterna, una vedova vestita di bianco. Un bouquet di violette - simbolo di innocenza e tenerezza, come un bouquet da sposa - esalta questa impressione. Nascondendo il viso, questo bouquet sembra nascondere il dolore e il lutto da occhi indiscreti, lasciando solo un ricordo simbolico di ciò che la guerra può privare. Non sappiamo nulla di questa donna, né dell'uomo a cui è stata promessa, ma solo di quello che è successo a loro.

Il nome stesso dei fiori viola (viollette - fr.) Allude associativamente alla violenza (viol, violenza - fr.), Che è la guerra e che, a quanto pare, ha separato per sempre gli amanti. Magritte scrisse quest'opera tre anni prima della sua morte, come un uomo di mezza età sopravvissuto agli orrori di due guerre mondiali.
Forse l'artista ha espresso il suo dolore per questi eventi raffigurando metaforicamente una sposa con un bouquet da sposa già inutile, condannata a rimanere in abito da sposa bianco, sola su un molo lungo il mare deserto.

Autore: Yulia Rakitina

Commenti